FANDOM


Nato a Rimini il 18 giugno 1890, Piantoni giovanissimo frequentò il Conservatorio musicale di Pesaro, ove ebbe come docente Pietro Mascagni. Trasferitosi successivamente a Bologna, presso la locale “Accademia Filarmonica” si diplomò come “Maestro compositore e Direttore d’Orchestra” e conseguì anche diplomi in “Composizione, Pianoforte ed Organo”. (Gli originali fanno parte della dotazione archivistica dell'Associazione Culturale Musicale a Lui intitolata). Scoppiata la Prima grande guerra mondiale, il giovane musicista prestò il Servizio militare, come sottotenente, in zona di guerra, pur continuando a coltivare la sua arte. Compose in quegli anni un “Inno a Gorizia”, per canto e pianoforte dedicandolo al generale Luigi Cadorna (1916) e successivamente (1918) una Marcia sinfonica: “Sul Montello”, in onore del trionfante Generale Armando Diaz. Terminata la grande Guerra, Piantoni, a Soleto, dà inizio alla sua lunga stagione pugliese, umana ed artistica: nella cittadina salentina, infatti, si sposa ed esordisce come Direttore d’orchestra dirigendo la locale Banda musicale . Dopo un biennio trascorso in Campania (1923-1925), ove dirige il Concerto bandistico di Frattamaggiore, Piantoni ritorna definitivamente in Puglia, a Conversano, per dirigere lo Storico Gran Concerto Bandistico della Città dei Conti e qui stabilisce anche la sua residenza: unica parentesi artistica sarà

Piantoni

Giuseppe Piantoni

quella che vivrà, dal 1929 al 1934 come Direttore della banda musicale di Castellana Grotte; parentesi che gli varrà notevoli riconoscimenti professionali per i successi ottenuti con il Concerto bandistico da lui diretto in Concorsi di rilevanza italiana: a Bologna, Perugia, Torino e Palermo. È di questi anni anche la composizione e messa in scena, al teatro Piccinni di Bari, del suo primo melodramma: “Il Tizianello” (1932). Piantoni tornerà,

definitivamente, nel 1934 nella ormai sua città, per dirigere lo storico Concerto bandistico conversanese, che era stato diretto dai maestri e concertatori Pietro Marincola (1929-1932) e Giovanni Orsomando (1933). Il Maestro riminese comporrà in questi lunghi anni conversanesi altre 4 opere liriche subito, però, ridotte in versioni per banda: “L’Amore che torna”, “Canto d’Amore”, “Il Gran Topazio”, e quella che è probabilmente la sua composizione capolavoro: “I Mietitori”, ricca di pagine musicali degne del miglior imperante verismo; inoltre riduzioni per Banda dei grandi melodrammi dell’800 italiano ed europeo; originali composizioni per “Complessi da camera” e musiche per Canto e pianoforte; soprattutto le sue Marce, prezioso patrimonio artistico della pluricentenaria cultura bandistica pugliese ed italiana; fra esse: le “Leccesina”, “Medea” e “Vita Pugliese”, grande affresco elegiaco, quest’ultimo, della terra della Puglia. Sono un interessante prodotto (in totale circa 100 composizioni musicali) della notevole ispirazione dell’arte di Giuseppe Piantoni. Il Maestro morrà a Conversano sessantenne, il 29 gennaio del 1950.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale